Espandi tutto​​​

1. Esistono rischi in caso di esposizione prolungata a bassa attività?

2. I rifiuti radioattivi presentano rischi?

3. Chi si occupa dei rifiuti radioattivi in Italia?

4. È pericoloso trasportare sostanze radioattive?

5. La trasmutazione è un’alternativa possibile per la gestione dei rifiuti radioattivi ad alta attività?

6. Come si tramanda alle generazioni future la consapevolezza del Deposito Nazionale?

7. Come si potranno prevenire le conseguenze di un eventuale black-out elettrico nel Deposito Nazionale?

8. Che cosa vuol dire che un rifiuto radioattivo è rilasciabile?

9. Ci sono altri fattori, oltre alla radioattività, che possono rendere pericolosi i rifiuti destinati al Deposito Nazionale?

10. Che ne sarà degli attuali depositi italiani dopo l’entrata in esercizio del Deposito Nazionale?

11. Qual è la strategia italiana per la sistemazione definitiva dei rifiuti ad alta attività?

12. Cosa è il Sistema Informativo del Deposito Nazionale?

13. Quali condizioni garantiscono qualità e affidabilità della proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee?

14. Cosa accadrebbe qualora nessun territorio presentasse la propria autocandidatura a ospitare il Deposito Nazionale?

15. Perché non si realizza il DN a Scanzano Jonico, posto che questo sito era stato riconosciuto come il più idoneo da un punto di vista tecnico/geologico ad ospitare i rifiuti radioattivi?

16. La presenza dei rifiuti radioattivi su un sito può portare alla contaminazione dell’acqua?

17. A che cosa saranno destinati i terreni vicini al Deposito Nazionale?

18. E’ possibile che un manufatto contenente rifiuti radioattivi cada durante le operazioni? Cosa accadrebbe in questo caso?

19. Cosa accadrebbe in caso di incidente ad un camion che porta i rifiuti al Deposito Nazionale?

20. Come saranno coinvolte le comunità locali nel controllo della sicurezza?

21. Come si può avere la certezza che lo stoccaggio temporaneo di rifiuti ad alta attività e lunghissima vita non diventi definitivo?

22. Perché il Deposito Nazionale sarà di superficie?

23. Ci saranno rischi per i lavoratori durante la costruzione e l’esercizio del Deposito Nazionale?

24. I terreni di fondazione possono subire conseguenze associate ad eventi sismici?

25. Come è garantita la sicurezza del Deposito Nazionale? Come sarà controllato? Con quale frequenza?

26. Se fosse necessario, i rifiuti presenti nel Deposito Nazionale potranno essere recuperati?

27. Una volta individuato il sito, qual è l’iter autorizzativo per la realizzazione del Deposito Nazionale?

28. In che modo le comunità locali potranno partecipare ai processi decisionali relativi al Deposito Nazionale?

29. Esistono in Europa Depositi Geologici per rifiuti radioattivi ad alta attività?